SOCIAL KINTSUGI

Il METODO utilizzato dai professionisti di Bluebird prende il suo nome dal “kintsugi” o “kintsukuroi”, l'arte giapponese di riparare con l'oro gli oggetti in ceramica andati in frantumi (di solito con miscele create con polvere d'oro o d'argento). Attraverso questa particola forma d’arte, ciò che si rompe, anziché essere gettato, viene riparato, acquistando un valore enormemente più grande dell’oggetto originale. E ciò avviene non soltanto dal punto di vista economico, essendo utilizzati metalli preziosi, ma anche e soprattutto artistico: grazie alle proprie “linee di rottura”, sempre diverse e non prevedibili, ogni pezzo diventa unico, non riproducibile.

 

E’ così che da un'imperfezione può nascere una vera e propria forma artistica, in grado di portare sia alla perfezione estetica che ad una crescita interiore.

 

Nel mondo delle relazioni umane, i principi sottesi alla tecnica del kintsugi possono aiutare a spiegare come da una ferita possano nascere una forma ed una storia ancora più preziose di quelle originarie. Relazioni lavorative, familiari, sentimentali interrotte, ferite, offese possono essere il punto di partenza, la materia prima per creare una relazione completamente diversa, ancora più preziosa, perché rinata dalle crepe di un rapporto che ha superato le offese della trasformazione.

 

Come per la ceramica, anche per le relazioni umane il kintsugi rappresenta un percorso lento, guidato dall’esperienza, dalla passione e dall’arte di chi a ciò si dedica ogni giorno. Come per le ceramiche, anche i rapporti richiedono l’aggiunta di materiali preziosi per la loro ricostruzione: comunicazione, comprensione, confronto e crescita personale. Come per le ceramiche, tuttavia, anche per le relaizoni umane il risultato al termine del percorso può essere sorprendente e inaspettato.

© 2016 

BlueBird Project
info@bluebirdproject.net
tel. 0565880912

MAZZI s.a.s. di Michele Mazzi
Via A. Volta 9, 57025 Piombino Li
C.f. e P.IVA 01780130496

  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page
  • Wix Google+ page